MAINE COON: il gigante buono

risPETtiamoli maine1 MAINE COON: il gigante buono In evidenza Le razze dei gatti
Il maine coon

Le controverse origini del Maine Coon, il gigante buono

Il gatto Maine Coon è una razza di origine del Nord America, della fredda regione del Maine. Il suo nome deriva dallo stato del Maine e dal termine Raccoon (abbreviato Coon) che significa procione, perchè alcune fattezze come la coda ricordano molto quella di un procione o orsetto lavatore.

Diverse sono le leggende nate intorno all’origine di questa razza, alcune molto fantasiose e suggestive, ma nessuna di queste risulta effettivamente comprovata da documentazioni ufficiali.

Prima ipotesi

Sembra che, durante la Rivoluzione Francese,  prima di morire sotto la ghigliottina,  la Regina Maria Antonietta avesse inviato di nascosto nel Maine i suoi sei gatti d’angora, per metterli in salvo: il Maine Coon sarebbe dunque nato dall’incrocio e dall’accoppiamento di questi gatti e questo spiegherebbe anche il portamento e la postura regale di questo enorme gatto.

Seconda ipotesi

Un’altra leggenda vuole che il Maine Coon sia nato dall’incrocio tra gatti a pelo corto e gatti a pelo lungo d’oltremare, che sarebbero sbarcati in Nord America insieme ai Vichinghi intorno all’anno mille; ipotesi plausibile vista la somiglianza tra i gatti Siberiani, i Norvegesi ed il Maine Coon.

Terza ipotesi

Ma certamente la leggenda più curiosa e stravagante è quella che attribuisce la nascita del Maine Coon ad un incrocio tra una lince ed un orsetto lavatore, incrocio ovviamente fisicamente e geneticamente impossibile. Certo che però a vederlo bene il Maine Coon o  gigante buono somiglia nell’aspetto e nei comportamenti un pò ad un procione ed un pò anche ad una lince: davvero difficile non crederci!!!

Quarta ipotesi

La tesi più plausibile è sicuramente quella che attribuisce la nascita e la diffusione di questa razza in seguito all’arrivo di navi da tutto il resto del mondo, dopo la scoperta dell’America: i gatti, portati a bordo di queste navi, si occupavano principalmente della caccia dei roditori e una volta toccata terra si disperdevano nel territorio, creando incroci ed accoppiamenti con i gatti locali. Da questi accoppiamenti nasce sicuramente questo gigante buono.

Al di là delle effettive origini di questa razza, il Maine Coon è stato presentato alle manifestazioni feline sin dal 1861 ed in pochissimo tempo è diventato una delle razze più prestigiose al mondo. Ha conosciuto anche un periodo di poca notorietà a causa del crescente successo di altre razze altrettanto prestigiose come il persiano o il gatto d’angora. A partire dal 1940 la razza riacquistò popolarità ed è stata ufficialmente riconosciuta nel 1967. In Europa il Maine Coon è arrivato ufficialmente nel 1981, ma è diventata popolare e ricercata a partire dal 1990. Oggi è considerato una vera e propria star in tutte le esposizioni feline nazionali ed internazionali e non a torto perchè si tratta davvero di un gatto maestoso, imponente e bellissimo.

Gli standard del Maine Coon

Si tratta, naturalmente, di un gatto di taglia grande anzi è una delle razze di gatti più grandi al mondo. Il peso di un Maine Coon adulto oscilla tra i 4 ed i 9 chili ed i maschi pesano più delle femmine ma non è assolutamente difficile trovare esemplari che arrivano anche a 12 kg (vedi I gatti da Guinness ).

I colori ammessi sono: rosso, bianco, nero, blu e crema con esclusione di cinnamon, chocolate, lilac e fawn.

E’ un gatto a pelo folto e lungo anche 7 cm; il mantello deve essere lucido, uniforme, impermeabile e resistente.

Ha una coda molto lunga, pari alla stessa lunghezza di tutto il corpo, coda che durante il sonno tiene arrolata come se fosse una coperta. Ha il pelo più arruffato e lungo, che forma una specie di drappeggio sulla pancia e dietro le zampe, che somiglia ad un paio di calzoncini. Infine ha le zampe alte con 5 dita nelle zampe anteriori e 4 nelle zampe posteriori, ricche di pelo che può sporgere anche di 2 cm tra i polpastrelli e ha le orecchie protette da abbondanti ciuffi di pelo.

risPETtiamoli 069-300x300 MAINE COON: il gigante buono In evidenza Le razze dei gatti
maine coon

In presenza di un esemplare di Maine Coon si possono avere due reazioni estreme e contrapposte.

  • C’è chi rimane sorpreso e meravigliato davanti a tanta imponenza e regalità. Il Maine Coon infatti racchiude tutte le caratteristiche del felino: l’aspetto selvaggio, fiero ed imponente, lo sguardo profondo e a volte anche truce, un portamento maestoso mentre avanza con la testa alta mostrando la coda larga e folta.
  • Per gli stessi motivi c’è chi ne rimane talmente impressionato da non riuscire a vincere la paura e il timore che un gatto così grande e dallo sguardo truce possa non essere un gatto aggressivo e che sia poco adatto a vivere in appartamento con bambini ed anziani.

Il carattere del Maine Coon

Nonostante l’aspetto il Maine Coon o gigante buono è in realtà un gatto coccolone, dolce, affettuoso e socievole. Il Maine coon può tranquillamente vivere con i bambini con cui ama giocare a fare agguati, a giocare a nascondino e fa salti e corsette divertendoli molto. E’ un perfetto gatto da salotto e vive senza problemi in famiglie anche molto numerose, anche se non disdegna il silenzio e la pace risultando il compagno perfetto anche per le persone sole ed anziane. Poco propenso a perdere la pazienza è un gatto che raramente uscirà le unghie per graffiare ed attaccare volontariamente. Come tutti i gatti, però, è bene non abusare della sua pazienza e della sua buona capacità di sopportazione perchè sa benissimo come difendersi.

Dunque caratterialmente il Maine Coon è un gatto buonissimo, docile e giocoso. Dotato di molta curiosità si affeziona profondamente alla famiglia ed è in grado di stabilire relazioni differenti con ciascuno dei suoi membri. Interagisce in maniera costruttiva ed è sempre presente in tutte le attività familiari, somigliando in alcuni atteggiamenti ad un cane. Predilige i giochi di attivazione mentale ai giochi di resistenza fisica. Ha la capacità di apprendere moltissime cose come ad esempio giocare al riporto di palline o di camminare al guinzaglio esattamente come fa un cane. Ma attenzione: essendo gatto sarà lui a portare voi e non viceversa.

E’ anche un gatto decisamente espansivo per cui anche con gli estranei, dopo una prima fase di studio e di sana diffidenza, si lascia facilmente avvicinare ed accarezzare. Può convivere pacificamente anche con altri gatti e con i cani.

Peculiarità del Maine Coon

Principale caratteristica del Maine Coon è che si tratta di un gatto estremamente comunicativo. Possiede una vasta gamma di vocalizzi e miagolii differenti: dal brontolio profondo e gutturale al trillo affettuoso che dispensa ai suoi amici umani.  E’ considerato il gatto più loquace in assoluto e più gli umani gli parlano più il Maine Coon risponde con suoni diversi a situazioni diverse e a persone diverse.

Un’altra caratteristica tipica di questa razza è che è affascinato dall’acqua per cui non è difficile vederlo zampettare nella ciotola dell’acqua, oppure giocare con una pallina immersa in una bacinella o restare in piedi sull’orlo della vasca da bagno toccando l’acqua con la zampa se non addirittura vederlo sguazzare in una pozzanghera.

risPETtiamoli enorme-gatto-maine-coon-entra-in-acqua-da-solo-video-2-300x148 MAINE COON: il gigante buono In evidenza Le razze dei gatti
maine coon e l’acqua

La salute del Maine Coon

Il Maine Coon non ha particolari esigenze, nonostante il pelo lungo. Per mantenere il mantello in buona salute basterà spazzolarlo regolarmente per evitare fastidiosi nodi ai peli. Poichè fa la muta due volte all’anno, in quel periodo si renderà necessario fargli un bagnetto periodico per aiutarlo a smaltire il pelo in eccesso. Attenzione ad asciugargli bene tutto il pelo che essendo impermeabile tende a rimanere umido.

Il Maine Coon può ereditare alcuni problemi di salute come la cardiomiopatia (HCM) ipertrofica, una malattia trasmessa da una mutazione genetica, che causa l’ispessimento del muscolo cardiaco con conseguenti malattia cardiovascolari.

Anche la displasia delle anche è una malattia ereditaria di questa razza, che si caratterizza per una malformazione delle articolazioni delle anche che portano all’artrosi con forti dolori alle zampe.

Tuttavia il Maine Coon ha una speranza di vita tra i 14 ed i 20 anni

Il prezzo del Maine Coon

Si può acquistare un cucciolo di Maine Coon al prezzo di circa 800 euro per un animale da compagnia fino a 1500 euro per un esemplare da riproduzione o da esposizione.

Il costo varia da allevamento ad allevamento poichè ogni allevamento cerca di dare più o meno risalto ad alcune caratteristiche fisiche o caratteriali. Il prezzo varia anche da esemplare ad esemplare rispetto al colore del mantello, alla grandezza da adulto, alla variazione rispetto agli standard previsti e tante altre variabili.

A questo proposito ricordo che il pedigree attesta solo l’appartenenza ad una determinata razza e che ha un costo di soli 20 euro, per cui non è sicuramente la presenza di questo certificato a giustificare variazioni di prezzo anche molto elevate. Il suggerimento valido per questa razza, ma in generale per tutte le razze di cani o di gatti, è di rivolgersi agli allevatori più esperti e professionali del settore, disponibili a farvi visitare gli allevamenti e gli animali presenti, per evitare brutte esperienze.

risPETtiamoli mainecuccioli-300x258 MAINE COON: il gigante buono In evidenza Le razze dei gatti
Cuccioli di Maine Coon